Ti trovi in:
Punto di partenza Pessinetto Fuori o Stazione Ferroviaria di Losa
Lunghezza 6,5 Km
Dislivello 350 m
Periodo Primavera/Estate
Accessibilità Disabilità parziale. Area di sosta e pic-nic totalmente accessibile

La parola "pellegrino" ha di per sé un significato ampio, a volte è usata nell’accezione di "straniero", altre volte nel senso di viandante, come colui che compie un viaggio verso un luogo sconosciuto o verso una meta precisa.
Seguendo il SENTIERO DEI PELLEGRINI di Gisola e Sant’Ignazio, si cammina lungo le vie percorse dagli innumerevoli fedeli che, nei secoli, sono giunti fin qui per onorare i nostri Santi: alcuni per venerare la reliquia costituita da un osso della testa di San Giacomo, altri per sciogliere i numerosi voti fatti a Sant’Ignazio di Loyola (invocato contro i lupi, le epidemie, le carestie, etc.).

Il percorso si snoda per circa 6,5 Km lungo le pendici di Punta Serena, fino al Monte Bastia, toccando alcune località di interesse turistico, storico e naturalistico del Comune di Pessinetto.

Il sentiero è indicato da segnavia in legno e da punti informativi in cui è possibile visionare la mappa del percorso e l’avanzamento del cammino.

Lungo il tragitto sono presenti pannelli didattici e informativi con notizie riguardanti i vari luoghi:

  • Cappella di San Giuseppe – fraz. Costa
  • La zona delle fucine
  • Il Pilun Bel
  • Il Pilun brut
  • Case Vernai e Cappella S. Barnaba
  • Rio Rundleri
  • Il grande faggio
  • La carbonaia
  • Gli animali del bosco
  • Le tracce degli animali
  • Il Grande Pilone
  • Gisola
  • Sui sentieri dei pellegrini
  • Il castagno – fraz. Tortore
  • Sant’Ignazio – il Santuario
  • Sant’Ignazio – la vita
  • Punto panoramico
  • Le masche
  • Eco

Punti di interesse

  • Santuario di Sant’Ignazio
  • Chiesa Parrocchiale dedicata a San Giacomo Maggiore (Frazione Gisola)
  • La Cappella di San Giuseppe (frazione Costa)
  • Ruderi della Chiesetta di San Barnaba (località Vernai)
  • Cappella dei Santi Giorgio e Giovanni Battista (Frazione Tortore)
  • Piloni votivi disseminati lungo i vari sentieri che portano al santuario
  • Fucina dei chiodaioli (frazione Costa)